Codice Deontologico

Gli operatori della Cittadella operano nel rispetto di un codice etico e deontologico che regola il loro comportamento nella relazione professionale. Ecco i punti che gli operatori sono tenuti a rispettare.

1. Il Professionista deve avere una adeguata formazione conseguita in specifiche Scuole. Fare dichiarazioni mendaci circa la propria formazione professionale, le proprie capacità professionali, o fare uso di titoli riservati ad altre categorie sono illeciti deontologici ma anche reati penali (violazione art. 640 c.p. reato di truffa; art. 498 c.p. reato di usurpazione di titolo)

2. Quando il Professionista lavora in comunità, dove è possibile che più soggetti siano in conflitto tra loro, egli deve ispirarsi allo sviluppo del dialogo e del confronto costruttivo tra le parti e mirare al perseguimento del vantaggio di tutti i soggetti interessati.

3. Il Professionista deve impegnarsi nell'aggiornamento continuo della propria competenza, fare riferimento costante a sistemi di supervisione e di percorso di crescita o sviluppo personale.

4. Il Professionista fonda il proprio operare sui principi etici dell'accoglienza e del rispetto, dell'autenticità e della congruenza, della gentilezza e dell'ascolto, della dignità e responsabilità, della competenza e della saggezza. Il Professionista è libero di non collaborare verso obiettivi che contrastino con le proprie convinzioni etiche e con i propri valori, impegnandosi tuttavia a salvaguardare le esigenze del cliente e indirizzandolo verso chi possa aiutarlo.

5. Il rapporto professionale con il Cliente deve essere definito con chiarezza. Il contratto pattuito con il Cliente concerne gli obiettivi, i tempi ed il compenso economico. E' eticamente e deontologicamente scorretto prolungare l'intervento di consulenza qualora si sia dimostrato inefficace.

6. Il Professionista ha il compito di accogliere il disagio ed ha l'obbligo, se valuta la situazione non di suacompetenza, di indirizzare il cliente verso gli specifici specialisti. Il Professionista ha la discrezionalità di prendere in carico il cliente ed ha l'obbligo, in caso di non accettazione, di fornire il recapito di colleghi professionisti.

7. Il Professionista è tenuto al segreto professionale, salvo per i casi previsti dalla legge in vigore.

8. È eticamente corretto mantenere con i clienti rapporti professionali.

9. Il Professionista potrà, per pubblicazioni scientifiche o di ricerca, fatta salva l'impossibilità di identificazione dei soggetti, utilizzare i dati raccolti durante l'attività professionale. In ogni caso i soggetti coinvolti dovranno essere informati delle finalità d'uso del materiale.

10. Il Professionista è tenuto a rispettare la professionalità dei colleghi e a mantenere rapporti basati su lealtà e correttezza oltre a promuovere e favorire rapporti di scambio e collaborazione.

11. Il Professionista è tenuto ad uniformare la propria condotta ai principi del decoro e della dignità professionale. Fatti salvi i limiti posti dalla vigente legislazione italiana in materia di pubblicità assume comportamenti corretti e informa con chiarezza e veridicità.

12. Il Professionista della Cittadella si impegna ad accettare e rispettare lo statuto della Associazione, il Regolamento interno nonché le norme riportate nel presente Codice Deontologico. Le regole del presente Codice Deontologico sono vincolanti per tutti i Soci della Cittadella e l'ignoranza delle medesime non esime dalla responsabilità disciplinare. L'inosservanza delle regole stabilite e comunque ogni azione contraria al decoro, alla dignità ed al corretto esercizio della professione dà adito all'allontanamento dalla Associazione.